‘O sordomuto

 

Nu guagliunciello

ncopp’ ‘a fenesta

guarda...

guarda e nu parla,

dà na mullica ‘e pane

a n‘auciello,

fa na carezza a nu micillo

e si sta zitto.

“Uè!  Sabbatù, vien’ a pazzià!”

Ma Sabbatuccio guarda...

guarda e nu parla.

Nu pò sentì,

ma capisce che ‘o vonno sfottere! 

Sabbatuccio nun è ghiuto a scola! 

Fa na carezza a ‘o micillo

e l’ uocchie suoje vanno luntano,

s’ avizzano ncielo

e pensa:

“Cumme sarrìa bello

puté sentì

e puté dicere:

cà ce stò pur’ ìo!”

 

(Baiano: 14 Gennaio 1979)

 

   
© Carmine Montella, 2017 - Testi, immagini e video sono di proprietà di Carmine Montella, senza la cui autorizzazione ne sono vietati l'uso e la diffusione.